L'immutabilit di Dio: l'insegnamento di San Tommaso d'Aquino nei suoi sviluppi presso i commentatori scolastici

Gregorian Biblical BookShop, 2002 - 514
Sotto la spinta della teologia protestante, il nostro tempo mostra un nuovo interesse per l'argomento dell'immutabilita di Dio, con una viva discussione che lo riguarda. Il presente studio verte sulla dottrina di San Tommaso sull'immutabilita di Dio; egli riassume e ordina la tradizione cristiana ampliando la dottrina di Sant'Agostino d'Ippona e Dionigi Areopagita. Gli autori che continuano il pensiero tomista sono presentati secondo le due linee di sviluppo teologico, domenicana e gesuitica. Quella domenicana trova i suoi maggiori esponenti in Giovanni Capreolo, Tommaso De Vio, Francesco Silvestri de Ferrara, e infine Giovanni di San Tommaso. La linea gesuitica apre Card. Francesco da Toledo, Francesco Suarez, Gregorio da Valencia e Gabriel Vazquez.
 

 - 

.

Le fonti dell insegnamento di San Tommaso dAquino
11
la Trascendenza di Dio immutabile
19
La dottrina tomista dellimmutabilit
27
Opere esegetiche
35
La difesa dellimmutabilit di
65
Vita opere e patrimonio filosofico e teologico di Tommaso de Vio
97
Vita e opera di Francesco Silvestri
133
La valutazione della trattazione dellargomento da parte di Silvestri
159
La sintesi e le novit nel pensiero teologico sullimmutabilit
265
Valutazione e sintesi della dottrina di Surez
316
Vita e opere di Gabriel Vzquez
327
La sintesi sul contributo dellautore
356
La sua dottrina sullimmutabilit divina
364
Una dottrina della fede cattolica Valutazione e sintesi sullautore
403
La sintesi dello sviluppo teologico della dottrina
411
Le considerazioni ulteriori e prospettive future
422

Vita e opera di Giovanni di San Tommaso
171
tra San Tommaso e le nuove sfide del tempo
228
Limmutabilit di
239
Sigle e Abbreviazioni
435
Indice degli autori
505

15 - ... in rebus prius non existentibus et posterius existentibus fit; in illo autem non alteram praecedentem altera subsequens mutavit aut abstulit voluntatem, sed una eademque sempiterna et immutabili voluntate res, quas condidit, et ut prius non essent egit, quamdiu non fuerunt, et ut posterius essent, quando esse coeperunt...
45 - Secunda ratio est, quia, cum aliquid invenitur a pluribus diversimode participatum oportet quod ab eo in quo perfectissime invenitur, attribuatur omnibus illis in quibus imperfectius invenitur.
15 - Nam quia illis quidquid novi faciendum venit in mentem, novo consilio faciunt (mutabiles quippe mentes gerunt): profecto non Deum, quem cogitare non possunt, sed semetipsos pro illo cogitantes, non illum, sed se ipsos, nec illi, sed sibi comparant.
14 - ... et quid diximus, deus meus, vita mea, dulcedo mea sancta, aut quid dicit aliquis, cum de te dicit ? et vae tacentibus de te, quoniam loquaces muti sunt.
17 - Htt. viii. 48 : incommutabili excellentique potentia et interior omni re quia in ipso sunt omnia, et exterior omni re, quia ipse est super omnia.