صور الصفحة
PDF
النشر الإلكتروني

POTENZIALE.

Preterito.

Sing. I may, or can have been.

Thou mayst, or canst have been.

He may, or can have been.
Plur. We may, or can have been.

Ye may, or can have been,
They may, or can have been,

To posso essere stato.
Tu puoi essere stato.
Egli può essere stato,
Noi possiamo essere stati.
Voi potete essere stati.
Eglino possono essere stati.

Can, in questo modo e tempo, non mi pare sia tanto frequentemente usato e nella scrivere e nel nonversare quanto may.

I seguenti sono tempi indeterminati che talora pajono presenti, talora preteriti, e talora anche futuri.

[merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small]

şiog. I could have been.

Thou could't have been.

He could he been.
Plur. We could have been.

Ye could have been.
They could have been,

lo poteva essere state.
Tu potevi essere stato.
F.gli poteva essere stato.
Noi potevamo essere stati.
Voi potevate essere stati.
Eglino potevano essere stati.

I due soprascritti verbi mi pare che, tanto nel discorso quanto in iscritto, sieno promiscuamente usati l' un per l'altro anche da' dotti Inglesi.

[blocks in formation]

I am loved, io sono amato, &c. I was loved, io era amato, o io fui amalo, &c. I have been loved, io sono stato amato, &c.

CONGIUNTI V 0.

If I be loved, se io sono amato, &c. If I were loved, se io fossi amato, o se io ere amato. If I shall have been loved, se io sarò stato amats, &c.

[blocks in formation]

Una delle prime difficoltà, anzi la bella e prima in cui un Italiano, totalmente ignorante della lingua Inglese, incappa entrando in Inghilterra, è l' ordinario saluto interrogatorio di how do

ye

do? che italianamente diciamo come state poi ? che a tradurlo letteralmente significherebbe che fate voi? Ed è molto di rado che uno trovi chi glielo spieghi chiaramente, cioè che gli dica come il primo do diriva dal verbo to do, che significa fure, e come il secondo do viene dal verbo stesso, quando è adoa perato in modo ausiliario, del qual verbo do, ausiliariamente adoperato, noi Italiani non facciamo uso, e non possiamo quasimente aver idea se non impariamo l'Inglese. Questo verbo To Do, o vuoi colla significazione di fare, o con la ausiliaria, che non serve ad altro che ad aggiungere energia, si conjuga cosia

[blocks in formation]

Cotesto preterito e' anche usato dagli Inglesi promiscuamente col preterito com. posto o perfetto.

Preterito Imperfetto.

[blocks in formation]

Sing. I will do.

lo farò.
Thou wilt do, Tu farai.
He will do

Egli farà.
Plur. We will do.

Noi faremo.
Ye will do.

Voi farete.
They trill do.

Eglino faranno. Altro Futuro, che indica sovente på risolutezza d'intenzione che non il futuro antecedente, come chi dicesse, io farò senza dubbio.

[blocks in formation]

Gli altri tempi di questo modo sono come quelli dell' Indicativo.

IN FINIT 0.

Presente.

To do.

Fare.
Preterito.

To have done. Aver fatto.
Participio presente. Doing.

Facendo.
Participio preterito. Done.

Fatto, Do è qualche volta usato ausiliariamente, come I do love, io amo. I did loe, io amai ; ma quando questo si usa senza bisogno d'energia si fa anzi male che bene.

Do talora si usa per enfasi, e quando c'è bisogno d'energia, come in questo esempio tratto da Shakespeare.

I do love thee, and when I love thee not
Chaos is come again.

Do è sovente congiunto con particella negativa, come I like lier, but I do not love her; I wished him success, Did not help him.

L'imperativo che prcibisce, è di rado, e specialmente in prosa, rivolto alle seconde persone senza l'ausiliario do; come stop him, but do not hurt him; praise beauty, but do not dote upon it.

Di questo verbo si fa moltissimo uso nelle frasi interrogatorie, nelle quali si congiunge con tutte e tre le persone tanto del singolare quanto del plurale, come po I live ? DOST thou strike me ? does he complain? Do we go? do they rebel? DIDST thou love her ? did she die? do they come? E così nelle interrogazioni negative, come do not I grieve? DID not she die? Do not we act our part? DID not you read it in Tasso ?

Ne' tempi composti do non è usato interrogativamente.

Un altro modo hanno gl' Inglesi di conjugare verbi neutri, facendoli diventare neutri passivi variandoli coll' ajute del verbo sostantivo to be, onde talora corrispandono quasi co' nostri verbi reciprochi, e neutri passivi; come, I am risen, io mi sono levato, che in Latino usando il neutro passivo, si direbbe semplicemente surreri ; I was walked out, io mie n'era uscito, in Latino exieram.

In questa medesima maniera comunemente esprimono il tempo presente, come I am going, io ne ne vado, in Latino ev; thou art grieving, tu sei dolente, in Latino doles ; she is dying, ella sta morendo, in Latino illa moritur; the tempest is raging, le tempesta si è scatenata, in Latino furit procella; I am pursuing an enemy, sto perseguitandu un nimico, in Latino hostem insequor; e così in altri tempi, I have been walking, sono stato a passeggiare; I had been walking, ero stato a passeggiare; I shall be walking, passeggero; I will be walking, roglio passeggiare.

E qui, giacchè questo shull e que:to will mi sono tornati alle mani, conchiudesò le mie osservazioni sulle conjugazioni de' verbi Inglesi, con informare il mio studioso paesano, che il determinare la differenza che passa tra questi due segni del futuro, o tra should e would, e il fissare appuntino il loro proprio uso, è difficilissima se non del iutto impossibil cosa. lo almeno, in otto anni di studio ostinatissimo di questa lingua, non ho mai potuto trovare una regola infallibile; e sì che l' ho cercata in tutte le grammatiche; e richiestala a quanti letterati mi sono venuti innanzi. In somma questo è uno degl' intoppi che fanno frequentemente capitombolare i forestieri, che sono per la maggior parte tanto sconciati da questi shall e will e should e would, quanto gl' Inglesi lo sono co' nostri aveva e avrei e ebbi e ho avuto, e con era, fui, e sono stato, da essi molto di rado adoperati bene, anche quando hanno studiata otto anni la nostra lingua e interrogati intorno il diritto uso di tali tempi tutti i nostri cruscanti. Il meglio dunque che un Italiano possa fare per eriare il meno che sia possibile con que' benedetti segni, è leggere e rllego gere i loro meglio scrittori, e formarsi l'orecchio buono; o per parlare meno da musico e più da filosofo, procurare di acquistare un sentimento interno che loro dica tosto quando debbono far uso di will ė di would, e quando di shall e di should; e per ottenere questo fine, avvertano di non leggere iroppi di que' tanti libri che gli scrittori scozzesi tutto di scarabocchiano e stampano, perchè degli scozzesi appena ve n'ha uno in cento, con riverenza parlando, che sappia ben distinguere fra questi segni.

De' VERBI IRREGOLARI.

Quantunque le irregolarità de verbi İngiesi non sieno che due, cioè nel tempo preterito e nel suo participio, pure bastano per imbrogliare moltissimo i forestieri, non essendo possibile por loro altro lume in mano per condurli in questa oscura via, che l'uso.

I preteriti regolari di to love, to place, to fish, to wake, to smell, e di moltissimi altri dovrebbero essere lored, placed, jished, waked, smelled; pure gl' Inglesi in poesia li fanno deviare un tantino dalla loro naturale regolarità, cangiandoli in Luv'd, pluc'd, jisl’d, wak'd, smelld, e in prosa per fretta di pronunzia trasfor• mano i quattro ultimi in plac't, fizli't, wuk't, smelt.

To creep, to feel, to dwell, e altri sono nel preterito crept, felt, dwelt, e non mai creeped, fceled, dwelled.

To keep, tu sleep, to weep, preterito kept, slepi, uept.

To read al preterito fa reud; to spread ta spreud; to shed fa shed; to bid fa bid; to hide fa hid; to cast sa cast; to smite fa smit; to wrile writ o wrote; to bite fa bit; to meet fa met; io shoot sa shot; to lend, to send, to rend, to girt, fanno lent, sent, rent, girt.

Altri preteriti si allontanano ancora di più dall' infinito che non fanno questi che pur ora ho scritti. l'on, verbigrazia, è preteritu di to win, spun di to spin, begun di to begin, stram di to suini, struck di to strike, stuck di to stick. Sung, stung, Jung, rung, burung, suung, sprung, sono participj di to sing, to sting, due

« السابقةمتابعة »