صور الصفحة
PDF
النشر الإلكتروني

Non può l'oblio rapace
Furar dalle memorie eccello onore,
Sa l'arco di mia cetra un dardo forte
Viriú m'adatti, e ferirò la morte,

[ocr errors]

Del Ocean profondo
Cinta dagli ampi gorghi Anglia risiede
Separata dal mondo,
Però che il suo valor l'umano eccede :
Questa feconda produrre Eroi,
Ch' hanno a ragion del sovraman transla

Alla virtù sbandita
Danno ne i petti lor. fido ricetto,
quella gli è sol gradita,
Perche in lei fan trovar gioia, e diletta;
Ridillo tu Giovanni e moftra in tanto
Con tua vera virta, vero il mio Canta.

Lungi dal Patrio lido
Spinge Zenfi l'induftre ardente brama;
Cli' udio d' Helena il grido
Con aurea tromba rimbombar la fama,
E per poterla effigiare al paro
Dalle più belle Idee trafe il priù raro.

Cofi l Ape Ingegnosa
Trae con induftria il suo liquor pregiato
Dal giglio e dalla rosa,
E quanti vaghi fiori ornano il prato ;

Formano un dolce fuon diverse Chardes
Fan varie voci melodia concorde,

Di bella gloria amante
Milton dal Ciel natio per varie parts,
Le peregrine piante
Volgefti a ricercar scienze, ed arti;
Del Gallo regnator vedesti i Regni,
E dell'Italia ancor gl Eroi pin degna

Fabro quafi divino
Sol virtú rintracciando il tuo pensiers
Vide in ogni confino
Chi di nobil valor calcæ il sentiero ;
Lottimo dal miglior dopo sceglica
Per fabbricar d'ogni virtu l' Ideae

Quanti nacquero in Flora
O in lei del parlar Tosco apprefer l'arte,
La cui memoria onora -
Il mondo fatta eterna in dotte cartes
Volefti ricercar per tuo tesoro,
E parlafti con lør nell'opre lore.

Nell altera Babelle
Per te il parlar confufe Giove in vano; -
Che
Di se fera trofeo cadde fu'l piano :
ch' Ode oltr' all Anglia il suo piu degno Idioms
Spagna, Francia, Toscana, a Grecia e Roma,

1 piu profondi arvani
Ch' occulta ta natura e in cielo e in terra
Ch'à Ingegni sovrumani
Troppo dvara tal har gli chiude, e ferrág,
Chiaramente conoci, e giungi al fine
Della morál virtude al gran confine,

Non batta il Tempo l'ale,
Fermifi immoto, e in un fermin fo gli anni,
Che di sırtů immortale
Scorron di troppo ingiuriofi ai danni's
Che s'opre degne di Poema o poria
Priron gia, l'hai presenti alla memoria.

Dammi twa dolce Cetra
Se vuoi ch'io dica del tuo dolce cante :
Ch' inalzandoti all'Etra
Di farti buomo celeste ottiene il vanto,
Il Tamigi il dirà che gl é conceffo
Per te fuo cigne pareggiar Permeffe.

Io che in riva del Arno
Tento spiegar tuo merio alto, e preclaro
So che fatico indarno,
E ad ammirar, non a lodarla imparo;
Freno dunque la lingua, e ascolto il Goya
Che ti prende a lidar con lo fiupore.
Del fig. Antonio Francini gentilhuomo

Fiorentinov

[merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small]

Andem, chare, tuæ mihi perve

nere tabelle, Pertulit & voces nuntia char

ta tuas, Pertulit occiduâ Devæ Ceitren

fis ab ora Vergivium Prono qua petit

amne salum. Multùm crede juvat terras aluiffe remotas

Pectus amans noftri, tamque fidele caput, Quódque mihi lepidum tellus longinqua sodalen

Debet, at unde brevi reddere juffa velit. Me tenet urbs refluâ quam Thamelis alluit undâ,

Meque nec invitum patria dulcis habet. Jam nec arundifecum mihi cura revisere Camum)

Nec dudum vetiti me laris :angit amor,

Nuda nec arva placent, umbrasque negantia molles;

Quàm malè Phæbicolis convenit ille locus! Nec duri libet ufque minas perferre magistri,

Cæteraque ingenio non fubeunda meo,
Si sit hoc exilium patrios adiiffe penates,

Et vacuum curis otia grata sequi,
Non ego vel profugi nomen, sortemve recuso,

: Lætus & exilii conditione fruor.
O utinam vates nunquam graviora tuliffet

ille Tomitano flebilis exul agro; Non tunc lonio quicquam ceffiffet Homero,

Neve foret viđo laus tibi prima Maro. Tempora nam licet hîc placidis dare libera Mugs,

Et totum rapiunt me mea vita libri.
Excipit hinc feffum finuosi pompa theatri,

Et vocat ad plausus garrula scena suos.
Seu catus auditur senior, seu prodigus hæres,

Seu procus, aut politâ callide miles adeft,
Sive decennali fæcundus lite patronus

Detonat inculto barbara verba foro, Sæpe vafer gnato succurrit servus amanti,

Et nasum rigidi fallit ubique Patris ; Sæpe novos illic virgo mirata calores,

Quid sit amor nescit, dum quoque nescit, amat. Sive cruentatum furiosa Tragedia sceptrum

Quaffat, & effusis crinibus ora rotat.
Et dolet, & fpecto, juvat & spectafle dolendo,

Interdum & lacrymis dulcis amaror inest:
Seu puer infelix indelibata reliquit

Gaudia, & abrupto fendus amore cadit,
Seu ferus è tenebris iterat Styga criminis ultor

Conscia funereo pectora torre movens,
Seu mæret Pelopeia domus, seu nobilis Ili,

Aut luit incestos aula Creontis ayos.

« السابقةمتابعة »