صور الصفحة
PDF
النشر الإلكتروني
[merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small]

LOAN STACK

BV 4245 L5 1846

INTENTO DELL' OPERA

Li

presente Libro non s'intitola Domenicale , o pure Annuale, ma Sermoni compendiati per tutte le Domeniche dell'anno. Si dice compendiati, perchè quantunque si porga in essi sufficiente materia per ciascun Sermone, nondimeno i sentimenti che vi si appongono, non si scrivono stesamente, ma si mettono in breve , benchè non tanto in breve che il Leggitore non possa comprenderne tutta la sostanza; onde l’Opera può servire ancora per farvi la Lezione spirituale. Appostatamente poi non si sono distese le cose a lungo , acciocchè il Compositore possa da se stenderle a modo suo, come meglio gli pare. Poichè difficilmente il Predicatore pronunzierà con calore i sentimenti della Predica, se non gli avrà fatti proprii in qualche modo; e perciò si è succinto in breve quel che può dirsi in ciascuna Predica , affinchè il Compositore la stenda a suo piacere , ed in tal modo se la renda propria.

Si son poste poi molte sentenze delle Scritture, e de' Padri, e diverse riflessioni , forse più abbondanti di quel che conviene a ciascun Sermone, acciocchè il Lettore le scelga , e vi metta ciò che più gli piace. Si è procurato inoltre di nolar le cose con istile semplice e facile , col quale appunto si desidera, per bene delle Anime, che si porga la Divina Parola.

PROTESTA DELL'AUTORE

In esecuzione de' Decreti della 8. me. di Urbano VIII. pubblicati negli anni 1625, 1631 e 1634. protesto di non intendere, che diasi altra fede ai fatti riferiti in quest'Opera , che quella ch'è fondata su la sola autorità umana : sottomettendo il tutto al giudizio della S. Sede Apostolica Romana , di cui mi glorio di esser in tutto ubbidientissimo Figlio.

ALFONSO MARIA DE LIGUORI

Vescovo di Sant'Agata de' Goti.

NECESSARII A PREMETTERSI

[ocr errors]

Prima di tutto il Predicatore , se vuole che 1. le sue Prediche partoriscano abbondante frutto , bisogna che si prefigga il fine, cioè di voler predicare non già per ritrarne onori e lodi , o altro interesse temporale , ma solo per acquistare anime a Dio ; e perciò fa d'uopo , che il Predicatore, impiegandosi a questo grande officio di Ambasciatore di Dio , Jo preghi con fervore ad infiammarlo del suo santo amore, perchè così le sue Prediche riusciranno di gran profitto. Il Ven. P. Giovanni Avila interrogato una volta , che cosa fosse più utile per ben predicare , rispose con queste brevi parole : L'amare assai Gesù Cristo. Perciò si è veduto spesso , che i Predicatori che amavano assai Gesù Cristo, han fatto talvolta più bene con una sola Predica , che altri con molte.

2. Diceva s. Tommaso da Villanova , che le parole della Predica hanno ad essere come tante saette di fuoco , che feriscano ed infiammino gli ascoltanti di Divino Amore; ma come (soggiungea ) possono infiammare i cuori quelle Prediche, per lunghe e faticate che sieno , le quali escono da un monte di neve? Scrive s. Francesco di Sales, che la lingua parla all'orecchio, il cuore parla ai cuori : viene a dire, che quando i sentimenti non escono dal cuore del Predicatore, difficilmente tireranno i cuori degli altri al Divino Amore ; bisogna esserne prima acceso : Lampades ejus , lampades ignis , atque flammarum. Cant, 8, 6. Bisogna prima esser fuoco per ardere ,

« السابقةمتابعة »